Incendio impianto rifiuti ASM Terni, Regione garantisca i servizi. Tutelare la salute, interrogazione parlamentare M5S – Thomas De Luca – Consiglio regionale dell'Umbria
Cascata delle Marmore
Cascata delle Marmore patrimonio dell’Umanità? Per ora è patrimonio solo delle multinazionali
14/04/2020
azienda ospedaliera di Perugia
Nemmeno un euro dalla Regione Umbria per gli operatori sanitari in prima linea!
20/04/2020

Incendio impianto rifiuti ASM Terni, Regione garantisca i servizi. Tutelare la salute, interrogazione parlamentare M5S

Incendio ASM centro trasferenza

L’incendio avvenuto stamane nell’impianto di trasferenza di ASM Terni SpA nel processo di trattamento e di separazione dell’indifferenziato non diventi un pretesto. La Regione deve intervenire per garantire la piena regolarità del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti senza che questa situazione diventi un affare d’oro per i privati.
Nel pieno rispetto e sostegno dell’attività d’indagine della magistratura, in questo momento è priorità assoluta garantire, nel quadro di una situazione d’emergenza nazionale, che ASM possa ritornare a svolgere quanto prima l’ordinaria gestione della raccolta differenziata.
Paghiamo oggi gli inaccettabili ritardi dell’AURI nell’avvio al progetto dell’impianto a massimo recupero di materia proposto dalla municipalizzata e bloccato per ridicole logiche campanilistiche che stanno paralizzando l’Umbria.
C’è la necessità di un intervento d’urgenza che riconosca la strategicità della “fabbrica dei materiali” di ASM garantendo al preminente interesse pubblico le semplificazioni che vengono garantite ai grandi profitti privati.

Sulla questione è intervenuta anche la nostra portavoce in Senato Emma Pavanelli “L’incendio avvenuto all’interno dell’impianto ASM per il trattamento dei rifiuti nella zona di Maratta, a Terni, rende necessario tutelare la salute dei cittadini nonché l’ambiente dell’area interessata. Per questi motivi, sto predisponendo una interrogazione ai ministri dell’Ambiente e della Salute per fare chiarezza sulla vicenda”.
In particolare, serve fare chiarezza sul materiale che risulta effettivamente stoccato nell’area coinvolta dall’incendio, se le emissioni inquinanti hanno interessato una vasta area ad elevata densità abitativa. Inoltre, se l’acqua utilizzata per spegnere le fiamme, disperdendosi nel terreno circostante, abbia portato con sé residui inquinanti dalla combustione dei materiali”.

This website uses cookies to improve your user experience. If you continue on this website, you will be providing your consent to our use of cookies.